Tavola imperiale: come

Hai sempre sognato un matrimonio grandioso come un banchetto degno di Versailles?

 

Vuoi sentirti una principessa (almeno) per un giorno?

 

È lecito, considerando i capelli da pazza, le afflizioni mestruali e le file al banco degli affettati che rendono la vita di tutti i giorni un eterno “maiunagioia”.

 

 

Ma sebbene i sogni son desideri chiusi in fondo al cuor, taluni sarebbe meglio lasciarli sotto chiave

per non trasformare un all’allestimento da favola in un paese dei balocchi.

 

Ecco perché qui ci sono io a darti le giuste dritte su come allestire una tavola imperiale,
degna di Maria Antonietta ma che ai tuoi non farà venire voglia di tagliarti la testa prima del taglio della torta.

 

 

Innanzitutto cerchiamo di capire bene cosa si intenda per tavola imperiale.

 

 

Si tratta di un tipico allestimento matrimoniale della location,
riferito in particolare alla disposizione dei tavoli.

 

 

Avete presente quelle tavole che si perdono all’orizzonte, con rigogliosi centrotavola e luccicante argenteria?

 

No, non stiamo parlando di Lumière che canta Stia con noi, ma dei più romantici ed eleganti table setting che fanno dire “wow” a tutti gli invitati.

 

In riva al mare, in una villa lussuosa o in campagna, ogni location può acquisire un valore aggiunto con una tavola imperiale.

 

 

Se immagini il tuo ricevimento come un banchetto alla Luigi XIV sono d’accordo con te, ma se la conseguenza dovessero essere parrucche con la permanente e uomini in calzamaglia, allora preferirei un pranzo con la pizza al taglio.

 

Come non eccedere?

 

Ve lo spiego punto per punto!

 

 

 

 

#LOCATION. Abbiamo accennato a come questa scelta possa essere adatta ad ogni tipologia di location; ma purtroppo vi sono sempre delle varianti

Un ampio spazio all’aperto si presta molto bene ad una tavola imperiale.

da considerare.

 

Se lo spazio a vostra disposizione è troppo piccolo per inserire un unico tavolo infinito, allora forse dovreste rinunciare (sarebbe spiacevole dover far passare i vostri ospiti sotto il tavolo per andare ad espletare funzioni fisiologiche).

 

 

Anche se la location è costituita da un unico spazio circolare la scelta stilistica di un tavolo imperiale potrebbe stonare, non restituendo quell’incredibile armonia scenografica che ti aspetteresti.

 

 

 

Per non parlare poi della logistica: devi sempre considerare le necessità del catering prima di prendere una decisione così… decisiva.

 

 

Insomma, per prima cosa devi valutare se sussistano le condizioni per realizzare una tavola imperiale per i tuoi ospiti.

 

 

Il centrotavola deve correre lungo tutta la tavola.

#CENTROTAVOLA. Candele, fiori, vasetti, alzate in cristallo, gabbiette per uccelli e runner in tessuti preziosi: il centrotavola ti permette davvero di sbizzarrirti.

 

Ovviamente devi sempre tener presente lo stile del tuo matrimonio; che sia un colore dominante o un tema preciso, gli ornamenti sulla tavola devono essere coerenti con la tua intenzione.

 

 

Hai scelto una chiave romantica per il tuo ricevimento?
Oppure moderna, ispirata al tuo film preferito o alla stagione in cui ti troverai?
In qualunque caso potrai creare composizioni uniche e mozzafiato per il centrotavola della tua tavola imperiale.

A tal proposito, permettetemi di fare qualche precisazione.

Come ho già detto più volte (ma non è mai superfluo sottolinearlo), non bisogna eccedere nelle decorazioni di un tavolo di questo tipo.

 

Non siete Arcinboldo.

 

Sculture di ghiaccio, maiali con la mela in bocca e cascate di diamanti tutti insieme potrebbero far venire un senso di nausea.

 

Ricordate che il centrotavola non deve essere troppo alto; i commensali non stanno partecipando al gioco delle coppie e devono essere in grado di vedere gli interlocutori.

 

Su una tavola imperiale il centrotavola deve correre lungo tutta la sua estensione.

 

Infine, cosa fondamentale, sarà tutto decisamente meraviglioso, ma l’unica cosa che spingerà i tuoi ospiti ad accettare di andare ad un matrimonio il 15 agosto sarà il cibo (oltre all’affetto per voi certamente); ecco perché non devi togliere spazio alle pietanze.

 

 

 

Ricorda di curare anche la scenografia delle escort card.

#ESCORT CARD. Non siate maliziose.

Non vorrete passare tutta la sera ad indicare agli ospiti il loro posto a tavola, giusto?

 

Ecco perché non potete rinunciare ai segnaposti.

 

Le escort card sono un’innovazione che arriva direttamente dagli Stati Uniti (dove sanno bene come divertirsi).

 

In cosa consistono?

 

Sono un’alternativa dinamica e spiritosa ai classici tableau de mariage.

 

Su questi cartoncini, collocati all’entrata della sala del ricevimento, ogni ospite trova un cartoncino con il proprio nome e il numero del tavolo cui è destinato.

 

Nel caso di un tavolo imperiale, ovviamente gli invitati non dovranno cercare il proprio tavolo, ma il proprio posto
sì e sarà una bella sfida!

 

Anche le escort card offrono la possibilità di sbizzarrirsi su come presentarle in relazione al tema del matrimonio.

 

 

 

 

Ma la cosa più bella di una sontuosa tavola imperiale è il fatto che non dovrete più disperare nella disposizione dei tavoli.

 

 

 

Se dovrete addolcire qualche dissapore, avrete due capotavola: uno a sud e l’altro al circolo polare artico!

 

Letizia