Tableau vintage: altro che centrini e naftalina

Le vostre amiche vi hanno sempre preso in giro perché siete fanatiche dei centrini di nonna?

L’odore della naftalina risveglia in voi un’ epifania olfattiva come la medeleine per Proust?

Vi piace come si vestiva Proust?

Allora il vostro matrimonio non potrà che essere vintage.

Sarà l’occasione giusta per avere finalmente la vostra rivincita sulle vostre amiche così “al passo con i tempi” perché lo stile del vostro grande giorno sarà unico e inimitabile.

 

Ovviamente non bisogna eccedere in fatto di ritorno al passato; insomma: sbandieratori in calzamaglia e giullari che si infilano le bottiglie nel naso lasciamoli alle rievocazioni storiche.

 

 

Ma scopriamo come realizzare un tableau vintage per il vostro matrimonio.

 

 

Stiamo parlando dell’allestimento, più o meno scenografico, su cui sono collocati i nomi dei tavoli per il ricevimento e gli ospiti destinati ad ognuno di essi.

 

Non si tratta solamente di un elemento fondamentale per introdurre il tema delle nozze, ma anche di un grande alleato per gli sposi che altrimenti dovrebbero trasformarsi in ciambellani di corte (ma abbiamo già detto che le rievocazioni storiche le lasciamo al Palio di Siena).

 

 

Prima di tutto, mi preme sottolineare un presupposto irrinunciabile come il sale nell’acqua della pasta.

 

 

Vintage e shabby chic sono due stili ben distinti.

 

 

Per essere shabby, ogni cosa deve essere in legno bianco e in tinte pastello;

mentre nel vintage non ci sono dettami in fatto di colore o materiale: basta che venga dal passato.

 

L’effetto anticato nello shabby chic è il grande responsabile del fraintendimento,

ma tra un effetto anticato realizzato ad hoc e un oggetto vissuto ci sono differenze evidenti come l’amore per il Natale del Grinch.

 

 

 

Il vintage è un mondo talmente variegato e offre così tanti spunti che può davvero accontentare ogni gusto e alimentare tutte le passioni: dai viaggiatori agli amanti del design, dalle perversioni per i servizi da tè ai fanatici dei roaring twenties.

 

 

 

 

Romantico e sognatore, raffinato e divertente allo stesso tempo, il biglietto da visita di un ricevimento vintage sarà proprio il vostro tableau.

 

 

 

Ecco allora qualche consiglio per realizzarne uno che sembra stato appena tirato fuori da una vecchia cantina.
In senso positivo, ovviamente!

 

 

Anche il piedistallo deve rievocare linee art déco.

#TABLEAU SPECCHI E LUSTRINI: Se ancora non vi siete riprese dal Grande Gatsby, potreste optare per questo tipo di tableau

(se invece non vi siete ancora riprese da Leonardo di Caprio non possiamo farci niente).

Quell’atmosfera luccicante, festaiola e lussuosa è un tema molto originale che potrà davvero stupire i vostri ospiti.

 

Come base del tableau potete prendere uno specchio con delle lavorazioni sul vetro o con una cornice ispirata all’art déco (decorazioni e trame geometriche preferibilmente dorate).

 

I nomi dei tavoli e degli invitati potreste scriverli su dei cartoncini con rifiniture glitterate o con una piuma appuntata con un brillante su uno degli angoli in alto.

 

E poi via ad abbondanti cascate di perle sui bordi del tableau.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

#CARTOLINE DI ALTRI TEMPI e VECCHIE GRAFICHE

 

Adorate vecchie pubblicità, copertine di riviste o i quadretti di Roma Scomparsa?

Il vostro tableau vintage non potrà che essere a base di cartoline di altri tempi e vecchie grafiche.

 

Se poi siete anche appassionati di viaggi, allora questa idea fa proprio al caso vostro!

 

Prendete qualche vecchio baule, valigia o cappelliera, apriteli e trasformateli nel supporto per i nomi dei vostri invitati.

 

In alternativa potreste prendere una vecchia credenza o cassettiera.

 

Associate ad ogni antica cartolina o grafica il nome di un tavolo e fate trovare su ognuno di essi il visual corrispondente.

 

 

Sarà divertente e davvero vintage!

 

In questo caso più oggetti legati al mondo dell’esplorazione inserirete nella scenografia del tableau come libri, mappamondi o macchine da scrivere, più stupirete i vostri ospiti e il successo sarà assicurato.

 

 

 

 

Qualche fiore dona sempre un tocco di romanticismo in più.

 

 

 

 

 

#CORNICI ANTICHE

 

Siete inguaribili romantiche?

 

E allora quest’ultima idea vi farà emozionare.

 

Un tableau vintage, che più vintage e romantico non si può, è composto da cornici (ovviamente antiche) con al loro interno vecchie foto di matrimoni.

 

Non parliamo delle foto esemplificative già presenti nella confezione che vendono i cinesi, ovviamente;

 

 

 

le coppie felici ritratte nelle foto dovrebbero essere i vostri genitori, i vostri nonni, i vostri zii, comare e compare, balie o antenati di x generazioni fa.

 

 

Se il numero dei tavoli previsto si estingue nel giro di qualche grado di parentela, questo tableau vintage diventa fattibile;
se invece avete una famiglia numerosa come una comunità amish potrebbe diventare difficile da realizzare!

 

In quest’ultimo caso, all’interno delle cornici potete direttamente inserire i cartoncini con i nomi dei tavoli e degli invitati.

 

Più le cornici sono variegate nelle forme e nelle dimensioni, più il vostro tableau trasmetterà davvero il senso di un recuper genuino del passato.

 

 

Beh, amiche, se avete trovato l’idea perfetta per il tableau vintage dei vostri sogni,
non vi resta che disinfettarvi, indossare la tuta da polizia scientifica e fare il giro di tutti i mercatini delle pulci,
degli svuota cantina e dei negozietti dell’usato sparsi per le città.

 

 

Letizia